Siamo tutt* sierocoinvolti

Siamo tutt* sierocoinvolti, nuova campagna di Arcigay d'informazione e consapevolezza sull'HIV. Arcigay Pianeta Milk in prima linea con i suoi volontari. 

“Siamo tutt* sierocoinvolti” è il claim della nuova campagna di Arcigay che, con un video, lancia un doppio messaggio: un appello ad un’assunzione di responsabilità collettiva sulla riduzione dell’epidemia e dello stigma verso le persone con HIV, ma anche un messaggio informativo sul fatto che oggi una persona con HIV in terapia con carica virale non rilevabile non trasmette il virus. 

Il corteo fascista con quattro gatti e la nostra numerosa risposta.

Il corteo fascista con quattro gatti e la nostra numerosa risposta. 
Parecchie centinaia in Piazza Isola in risposta ai quattro gatti che hanno sfilato al Corteo "No194". Credono che questa città sia la "Vandea d'Italia" e che tutti i cittadini veronesi siano dalla loro parte.
I diritti non si toccano #194NonUnPassoIndietro #VeronaLgbt #AntifaVerona
Sabato 24 Novembre 2018 in Piazza Isolo alle ore 15. Fermiamo il fascismo a Verona.

MOSTRUOSA VERONA’S FAMILY - APERICENA DI HALLOWEEN

Qualcosa di Mostruoso si aggira per Verona, ma voi non chiudetevi in casa e venite a far festa con noi!
MOSTRUOSA VERONA’S FAMILY
Pianeta Milk e i suoi giovani sono lieti d’invitarvi all’ APERICENA DI HALLOWEEN con aperitivo, buon cibo e dievertimento per festeggiare la notte più terrificante dell’anno.

Mercoledì 31 Ottobre 2018
Dalle ore 19:30 presso la nostra sede in
Via Scuderlando, 137 a Verona (Borgo Roma)
E’ consigliata la maschera.
Per poterci organizzare meglio per i preparativi è gradita una conferma, scrivendo a: eventi@arcigayverona.org
Offerta Euro 8.00 (Per contributo spese e aperitivo)
VI ASPETTIAMO NUMEROS*
  Evento Facebook

Queer Vision - settima edizione - Dal 6 al 27 Novembre 2018


Queer Vision - settima edizione - Dal 6 al 27 Novembre 2018


Dopo il ciclo di primavera della sesta edizione, per quattro martedì, con altre quattro nuove proiezioni, il 6 novembre torna con la settima edizione QUEER VISION, la rassegna dedicata al cinema LGBT*, organizzata da PIANETA MILK VERONA LGBT* CENTER grazie al supporto della Multisala Rivoli.

Curata dall'associazione Pianeta Milk e organizzata grazie al supporto di uno dei principali cinema cittadini, la centralissima Multisala Rivoli (Piazza Brà 10), martedì 6 novembre ritorna per la seconda volta nel 2018 “Queer Vision”, l’unica rassegna veronese dedicata al cinema a tematica lgbt* (lesbo, gay, bisex, trans, queer, intersex).

Pianeta Milk ha scelto, per questa settima edizione, quattro titoli che rappresentano un campione dell’ampia produzione di films a tematica lgbt* che sono susciti da importanti festival internazionali negli ultimi due anni.

AGITAZIONE PERMANENTE - #moltopiùdi194 Manifestazione Nazionale - Verona 13 Ottobre 2018

Non Una Di Meno lancia lo stato di AGITAZIONE PERMANENTE  VERONA SABATO 13 OTTOBRE 2018 MANIFESTAZIONE
Ore 15:00 Stazione di Porta Nuova

Con i nostri corpi resistenti daremo inizio allo 
stato di agitazione permanente lanciato da Non Una di Meno. Sabato 13 ottobre ci mobiliteremo a Verona per l’aborto libero, sicuro e gratuito, una presa di parola contro il governo giallo-verde e parte della battaglia delle femministe di tutto il mondo.
La scorsa settimana l’amministrazione comunale ha approvato una mozione che proclama Verona “città a favore della vita” e che finanzia progetti e associazioni cattoliche per la cosiddetta “adozione del feto”. Nelle prossime settimane tornerà probabilmente in discussione al consiglio comunale di Verona anche un’altra mozione, che prevede la sepoltura automatica dei feti senza il consenso della donna coinvolta. Le premesse e il contesto politico da cui nasce tale proposta sono le stesse, punitive e vendicative nei confronti delle donne, che ritroviamo in Parlamento e al governo del paese con il Ddl Pillon e con i continui attacchi all’aborto del ministro Fontana. La saldatura tra destra e movimenti per la vita trova come sempre il supporto del Papa che torna a attaccare l’aborto criminalizzando le donne. La lotta per l’aborto garantito, sicuro e gratuito è una lotta globale di liberazione dal potere di controllo sociale, politico e religioso sui corpi delle donne.

Comunicato Stampa Congiunto - Arcigay Verona e Circolo Pink

I CONSIGLIERI CONTANO I TITOLI DI GIORNALE INVECE DI CONTARE GLI EPISODI DI VIOLENZA. 
Arcigay e Circolo Pink rispondo all’ordine del giorno di Mauro Bonato sulle dichiarazioni di Alberto Zelger.
l consiglieri comunali prendono le distanze dalle dichiarazioni che Alberto Zelger ha rilasciato alla stampa, turbati dai titoloni che etichettano Verona come città omofoba, intollerante, fascista e anti femminista.
Ma a nulla serve votare un ordine del giorno che disconosca le parole del promotore della mozione 434, come quello che verrà presentato in Consiglio Comunale giovedì prossimo dal Capogruppo della Lega Mauro Bonato, se le politiche che governano la città vanno nella stessa direzione.
Gli amministratori vogliono contrastare la violenza e l’odio omobitransfobico o semplicemente tentare di salvare il “buon nome” della città?
L’ODG 499 appare davvero un’iniziativa di facciata che non avrà alcun effetto reale sulla vita dei cittadini e delle cittadine veronesi e sulle migliaia di persone gay, lesbiche e trans che a Verona vivono. Una mossa pretestuosa, nel tentativo di ovviare all’ennesima vergogna veronese.

CONGRESSO TERRITORIALE – ARCIGAY VERONA 18.10.2018

È convocato il Congresso del Comitato territoriale Arcigay Verona “PIANETA MILK” in prima convocazione per il giorno giovedì 18/10/2018 alle ore 19:00 presso la sede sociale del Comitato a Verona in via Scuderlando, 137 e in seconda convocazione nello stesso giorno alle ore 20:00 presso la stessa sede per discutere, in prima o eventualmente in seconda convocazione, dei seguenti punti all’ordine del giorno:

1. Illustrazione e votazione delle Mozioni presentate per il XVI Congresso nazionale di Arcigay;
2. Elezione dei componenti del consiglio direttivo territoriale e dei revisori dei conti.
3. Elezione dei Delegati al XVI Congresso nazionale di Arcigay ed eventuali sostituti;
4. Nomina del/i socio/i da proporre come Consigliere/i nazionale/i al XVI Congresso 
nazionale di Arcigay;
5. Discussione e approvazione di eventuali Ordini del Giorno, Raccomandazioni da inviare al XVI Congresso nazionale.
Il Congresso territoriale è convocato secondo le norme dello Statuto territoriale, dello Statuto nazionale e del Regolamento del XVI Congresso nazionale di Arcigay.
Hanno diritto al voto chiunque regolarmente tesserato al Comitato Arcigay di Verona ed in regola con la quota associativa.
E’ possibile iscriversi e/o rinnovare la tessera lo stesso giorno del Congresso Territoriale non oltre la prima votazione.
Verona, 21/09/2018
Laura Pesce,
Presidente
PIANETA MILK VERONA LGBT*CENTER – Arcigay/Arci
Per informazioni: congresso@arcigayverona.org

Lettera di convocazione Congresso Territoriale


__________________________________
  Evento Facebook     ::Articolo su Arcigay.it     ::Articolo si pianetamilk.it
__________________________________
DOCUMENTI CONGRESSUALI

Mozione “Il nostro orgoglio a voce alta”



Mozione “Liberazione senza confini”

“PARLIBERAMENTE” Centro d’ascolto LGBTI*

Servizio gratuito, rivolto a persone omosessuali, bisessuali, transessuali, loro parenti o amici e a persone eterosessuali.

Svolto da volontari con formazione nell’ambito della relazione d’aiuto (Counselor, Insegnanti, Educatori e Psicologi), presso la sede di Pianeta Milk in Via Scuderlando 137 a Verona (B.go Roma).
Lo spazio sarà attivo da sabato 22 settembre 2018.
Gli incontri individuali, fissati su appuntamento, saranno gratuiti e della durata di 1 ora ciascuno, fino a un nr. massimo di 10.

Per informazioni e prenotazioni chiamate il numero 3713267443.
Se l’operatore non potesse rispondere, lasciando il vostro recapito, verrete richiamati appena possibile.
È garantita la riservatezza su ciò che verrà confidato durante gli incontri.
Chiamateci o contattateci tramite Whatsapp: 3713267443
oppure scriveteci via e-mail: parliberamente@pianetamilk.it
Pagina sul sito: pianetamilk.it/parliberamente

Il Convegno LGBTI Migranti si farà! 21 settembre 2018 - Università di Verona

Dopo le polemiche, gli attacchi di estrema destra ed integralisti che ne hanno provocato l'annullamento la scorsa primavera...Ci siamo! Il Rettore questa volta è stato di parola. 21 settembre 208, il Convegno si farà in Università! Potete iscrivervi mandando una mail all'indirizzo istituzionale asilolgbti@ateneo.univr.it

----------------------------------------------------
Convegno "Richiedenti asilo. Identità di genere e orientamento sessuale"

21 settembre 2018
Aula Magna - Palazzo di Giurisprudenza
Via Carlo Montanari, 9 - Verona

Bacciga presenta mozione contro la legge Mancino

Presenta una mozione in Consiglio Comunale per autotutelarsi. Tempo fa denunciò il fotografo Toscani chiedendo l'applicazione proprio della Mancino. Articolo su Huffington Post di Claudio Paudice

Il consigliere di Verona (e amico di Fontana) che fece il saluto romano contro le femministe: "Il ministro ha ragione, via la legge Mancino" 

Presenta una mozione in Consiglio Comunale. Tempo fa denunciò il fotografo Toscani chiedendo l'applicazione proprio della Mancino


“PARLA CHE TI ASCOLTO” – CORSO DI FORMAZIONE SUL COUNSELING TELEFONICO 2018-2019

“PARLA CHE TI ASCOLTO” – CORSO DI FORMAZIONE SUL COUNSELING TELEFONICO
Obbiettivo del corso
Preparare operatori volontari disposti ad occuparsi di counseling telefonico, altrimenti detto “telefono amico” rivolto all’ambito LGBT (lesbico, gay, bisessuale, transessuale/transgender)

Per informazioni e/o adesioni contattare:
Ermanno Marogna 349 4641139
formazionelgbt@yahoo.it

Ritorno al medioevo, ancora una volta a Verona

La voglia di Medioevo per il Consiglio Comunale di Verona ciclicamente riemerge. Dopo la mozione anti gay N.336 del 1995, di cui in questi giorni ricorre il 23°anniversario dall'approvazione, dopo la mozione contro il "Gender" del 2014, Giovedì 26 luglio, su proposta del solito "Torquemada" veronese, il consigliere della Lega Nord ALBERTO ZELGER, saranno poste in votazione ben due mozioni contro la legge 194, l'autodeterminazione delle donne, la laicità dello stato e la libertà sessuale e affettiva dei delle cittadini/e.

PIANETA MILK VERONA LGBT*CENTER Arci/Arcigay sarà a fianco delle amiche e delle compagne di NUDM Verona e di tutte le nostre donne contro questo ennensimo vergognoso episodio di oscurantismo, fascismo ed integralismo religioso veronse.

Invitiamo a firmare gli appelli e partecipare alla mailbombing e alla twitterstorm per manifestare il dissenso.

Comunicato Stampa Arcigay Verona - 20.7.2018

Laura Pesce - Presidente Pianeta Milk Arcigay Verona.
Foto: Michele Vaccari
Verona, 20 luglio 2018 - Comunicato Stampa – La corte d’appello di Venezia dà
ragione ai due papà che pretendono di vedere riconosciuta la genitorialità del loro
bambino avuto in Canada con tecniche consentite dalle leggi dello stato.
“Non ha alcun senso la polemica rispetto al fatto che la gestazione per altri/altre in Italia
non sia ancora normata. La realtà è che questa famiglia esiste e se davvero si ha a cuore
l’interesse del bambino è imperativo riconoscere i suoi legami affettivi e di fatto. “ dichiara
Laura Pesce, presidente di Arcigay Pianeta Milk di Verona.
Le famiglie omogenitoriali in Italia sono migliaia, e la speranza è che queste sentenze
favorevoli siano esemplari affinché tutte le amministrazioni cittadine si impegnino a non
ostacolare l’iter burocratico per il riconoscimento e la registrazione dei figli e delle figlie
delle Famiglie Arcobaleno, senza intraprendere inutili e dispendiosi percorsi legali.
“Ci auguriamo pertanto che l’anagrafe scaligera rispetti i diritti del bambino e dei due
genitori, cittadini veronesi, recependo la sentenza della Corte d’appello di Venezia che
dichiara lecito il provvedimento straniero con cui questa famiglia è nata” conclude Pesce.

23mo anniversario dell'approvazione della mozione 336

Sono passati 23 anni da quel 14 luglio 1995, una data che non dimenticheremo mai.
Dopo mesi di lotta con manifestazioni, sit-in, incontri,  petizioni, in un crescendo d'insulti, intimidazioni, querele ed un'attenzione mediatica senza precedenti, il consiglio comunale di Verona prese la decisione di mettere "nero su bianco" che i suoi cittadini e cittadine lesbiche, gay, bisessuali e trans erano persone "non gradite", "contro natura" e "pericolose" per la società. 

Nel rigettare la Risoluzione A3-0028/94 "Sulla parità di trattamento degli omosessuali nella Comunità Europea", approvata l'8 febbraio 1994, l'amministrazione veronese scrisse una delle più brutte, discriminatorie ed oscurantiste pagine della sua storia. Per ogni anno passato da allora, noi cittadini e cittadine lesbiche, gay, bisessuali e transessuali, abbiamo ricordato il giorno in cui la Mozione 336 fu approvata, e non cesseremo di farlo fino a quando, con un'altra mozione contraria, che riconosca l'esistenza delle nostre vite e delle nostre famiglie, non verrà cancellata. 

Ricorderemo anche tutti i consigli comunali che ci furono prima di quel vergognoso voto del 14 luglio. Il 22 giugno in particolare, quando alcuni consiglieri, a ruota libera, ci insultarono con una violenza mai udita prima. Non ci siamo arresi, non abbiamo alzato le mani, anzi, abbiamo ALZATO LA TESTA, quel giorno è cominciata la nostra Stonewall.

Cinquanta sfumature di fascismo - Sabato 21 Luglio 2018

Quando Mussolini parlava, le piazze si riempivano e la gente acclamava.
Ancora oggi sono molte le persone che, manifestamente o in maniera celata, auspicano il ritorno di qualcuno che possa prenderne il posto, e fra di essi anche numerosi giovani.
Perchè il fascismo continua ad “affascinare”, a risultare così attraente? E con quali facce si presenta oggi, in maniera sempre meno celata? Dal razzismo al sessismo all’omofobia, tutte le sfumature dello stesso colore, il Fascismo.
Gianmarco Capogna, esperto di educazione alle differenza, politiche antidiscriminatorie e di diritti LGBTI ne parlerà con Valeria Mercandino, filosofa politica e femminista, coautrice del libro “#Antifa. Dizionario per fare a pezzi, parola per parola, la narrazione fascista”,
e con Giuseppe Civati, politico, fondatore di Possibile e autore di numerosi saggi fra i quali il recente “Voi sapete. L’indifferenza uccide”, sui diritti e le libertà fondamentali dell’uomo calpestati in Nordafrica.
L’incontro, organizzato dall’Associazione Pianeta Milk Verona Lgbt* Center Arcigay/ARCI e ANPI Verona, sarà introdotto da Laura Pesce e moderato da Emiliano Corsi.
Segue aperitivo.

Sabato 21 luglio alle ore 17.00 presso la sede dell’ANPI di Verona, via Cantarane, 26 Verona (Quartiere Veronetta).

:: Evento Facebook
:: Evento su pianetamilk.it
:: Evento su Arcigay News
:: Post su Instagram
:: Post su Twitter

BLA BLA & CINE QUEER - 9.7.2018

Come ogni lunedì, anche a lunedì 9 Luglio continuiamo a ritrovarci per il Bla Bla Queer con una novità... 

Dalle ore 20:30 inizia il BLA BLA QUEER, cioè la consuerta libera serata “de Ciacole”, aggregazione e accoglienza.

Dalle 21, per chi vorrà, potrà spostarsi di sala per il CINE VINTAGE QUEER, proiezione di vecchi film a tematica Lgbt ed eventuale successivo dibattito.

Come primo appuntamento del CINE VINTAGE QUEER ci sarà " LA PATATA BOLLENTE"

Film del 1979 di Steno, con Renato Pozzetto, Edwige Fenech ed un giovanissimo Massimo Ranieri. 
Il Film, in chiave di divertente commedia, affronta il rapporto tra la sinistra di allora, in particolare il mondo sindacale ed il Partito Comunista e la "questione omosessuale". Negli anni 70 del secolo scorso, i primi ad ascoltare e supportare le nascenti rivendicazioni della comunità gay furono i radicali, ma verso gli 80 anche nei movimenti di sinistra e nel principale partito di opposizione, cioè il PCI, come stava avvenendo nel resto d'Europa la questione cominciò ad essere posta e discussa. Fu in quel periodo che in seno all'ARCI, la storica associazione di aggregazione e cultura di sinistra, nacque l'Arcigay. 

Per informazioni scrivere a: info@arcigayverona.org
Anche questa volta vi aspettiamo numeros*!
Serata aperta anche per tesseramento e biblioteca

Un anno di amministrazione Sboarina secondo VERONA-IN. Attacco alla comunità LGBT innanzitutto.

Segnaliamo qui l'interessante articolo sul sito d'informazione ed approfondimenti VERONA-IN, che parla di un anno di cose fatte e non fatte da parte dell'amministrazione del Sindaco Gabriele Sboarina. Le cose fatte per la città e per i cittadini, che per noi sono il NULLA e le cose fatte contro la comunità LGBTI+, cioè TANTE, TROPPE.

:: Leggi l'articolo



Harvey Milk - 1978-2018. 40 anni dalla sua scomparsa.

Il prossimo 27 Novenbre saranno 40 anni dalla sua morte e Harvey Milk rimane uno dei più grandi eroi della comunità LGBT+. Il nipote Stuart continua la sua battaglia.

A quasi 40 anni dalla sua scomparsa, Harvey Milk è tuttora considerato un eroe americano (e non solo).

Sono state erette statue, nominate strade in suo onore, realizzati film e documentari, nel 2013 l'aeroporto internazionale di San Francisco e stato rinominato dedicandolo a lui e nel 2014 un francobollo è stato coniato per far sì che il ricordo di Harvey Milk e ciò che ha fatto militando nel movimento di liberazione omosessuale non venga mai dimenticato e noi in suo ricordo perenne gli abbiano dedicato il nome della nostra associazione.


Anita Byrant riceve una torta
in faccia da un contestatore.
Nel corso di un decennio, assieme e alla testa del movimento per i diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, ha cambiato la mentalità di molti americani. Ha combattuto contro la disinformazione ed intolleranza di un agguerrito contro-movimento, fondamentalista cristiano e di estrema destra, denominato "Save Your Children from Homosexuality" (Salvate i vostri figli dall'Omosessualità), capeggiato dalla Signora Anita Byrant.

il 27 Novembre 1978, a San Francisco, la città dove era consigliere (Supervisor), Milk venne assassinato insieme al Sindaco della città, George Moscone, proprio all’interno del Municipio. 




Dan White, l'assassino di
Harvey Milk
Dan White, ex consigliere comunale, non poteva sopportare l’entrata in vigore di una proposta di legge sui diritti dei gay, tanto sostenuta da Milk e dalla parte più liberale di San Francisco, e uccise entrambi con parecchi colpi di pistola.

Il corteo spontaneo che partì in suo onore quella sera stessa era composto da 30mila persone e attraversò la città come un fiume in piena fatto di candele e bandiere arcobaleno.

UNA MORTE CHE LUI STESSO AVEVA PREVISTO

Date le tantissime lettere di minacce che aveva ricevuto, Harvey registrò molte audiocassette come testamento e lascito da ascoltare in caso venisse ucciso: “If a bullet should enter my brain, let that bullet destroy every closet door.” Una frase che testimonia il coraggio e la forza che quell’uomo possedeva, deciso a lottare per la giustizia e l’uguaglianza per tutte le persone LGBT, anche a costo della sua stessa vita.


Stuart Milk, suo nipote nonché co-fondatore e presidente della fondazione Harvey Milk, non solo sostiene la comunità LGBT e i diritti umani con i suoi libri e articoli su l’Huffington Post ma tiene comizi nelle sedi del Governo di tutto il mondo – Turchia, Italia e Gran Bretagna ad esempio – raccontando la storia di suo zio e promuovendo l’uguaglianza e pari diritti per tutti.

Nel 2009, il Presidente Barack Obama lo insignì con la Medaglia presidenziale delle libertà e successivamente lo nominò suo consigliere personale per i diritti Lgbt+.

Nel 2015 in occasione del VERONA PRIDE, Stuart è venuto a trovarci a Verona e ha marciato con noi alla testa della parata. Nel 2017 è tornato durante la campagna per le amministrative, per sostenerci nella battaglia per una Verona più aperta ed inclusiva per le persone LGBT+.

A 40 anni dalla sua morte, non vogliamo dimenticare il lavoro fatto da suo zio Harvey Milk e le basi poste a fondamenta di un futuro migliore per le persone LGBT+ americane, ma non solo, di tutto il mondo.

#pernondimenticare #MemoriaContinua

Pianeta Milk Verona Lgbt*Center - Arci/Arcigay

LA FESTA DELLA CURVA SUD NON DIVENTI NUOVAMENTE FESTA NEONAZISTA!

LA FESTA DELLA CURVA SUD NON DIVENTI NUOVAMENTE FESTA NEONAZISTA!
Il 30 giugno si svolgerà, nel Vallo di via Città di Nimes, la festa della curva sud, la festa cioè di quella parte della tifoseria dell’Hellas Verona più vicina alla squadra.
Una parte di questa è fortemente legata a ideologie esplicitamente riconducibili al nazifascismo. In particolare Forza Nuova e ora Fortezza Europa estendono la loro egemonia politica su quel settore, trasformandola spesso in egemonia cosiddetta “culturale”. Il resto della curva, pur non professando attivamente quelle idee, tace e non reagisce, rifugiandosi in modo di fatto complice nel quieto vivere.

Arcigay: Ora l'Italia riveda le sue leggi sulla transessualità

OMS TOGLIE TRANSESSUALITA' DALLE MALATTIE MENTALI, ARCIGAY: "ORA L'ITALIA RIVEDA LE SUE LEGGI"
Bologna, 19 giugno 2018 - "La decisione dell'Organizzazione mondiale della Sanità di togliere la transessualità dalla lista delle malattie mentali va nella direzione della depatologizzazione della condizione trans che è il fondamento alla base delle norme più avanzate, già presenti in Paesi come Malta e l'Argentina, in cui sempre di più la transessualità è svincolata da complesse procedure mediche e giuridiche": così Ottavia Voza, responsabile Politiche trans di Arcigay. "Alla luce di questa decisione, a lungo attesa - prosegue -  è sempre più necessaria una revisione della attuale normativa italiana,  per una semplificazione delle procedure ed il rispetto del principio di autodeterminazione della persona". "I ministri della Salute e della Giustizia e più in generale il Governo - aggiunge Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay - dovranno fare i conti con questa decisione dell'OMS e sarà nostra cura stimolare una complessiva revisione della normativa Italiana in merito alla transizione sessuale: le norme devono infatti servire ad accompagnare nel modo più corretto le scelte delle persone, non a rendere un calvario le vite di migliaia di persone, che altro non chiedono di avere la libertà di scegliere sui propri corpi e sulle proprie vite. Non solo: questa notizia ha anche un importante portato culturale, perché va nella direzione di decostruire il disprezzo e la discriminazione che una visione patologizzata della transessualità creavano. Da oggi chiunque dovrà adeguarsi alla verità scientifica: la transessualità non è una malattia ma una possibilità, libera e legittima, come abbiamo sempre sostenuto", conclude Piazzoni.

Comunicato Arcigay su striscione censurato al Siracusa Pride

SIRACUSA PRIDE, LE FORZE DELL'ORDINE CENSURANO STRISCIONE CONTRO SALVINI. ARCIGAY: "LESO UN DIRITTO, CLIMA INQUIETANTE"
Bologna, 18 giugno 2018 - "La notizia dello striscione contro Salvini censurato dalle forze dell'ordine al Siracusa Pride sabato scorso è grave e sintomatica di un clima politico inquietante": così Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. Che prosegue: "Il diritto di critica, anche dura, è uno dei pilastri della nostra democrazia, specie all'interno di una manifestazione politica. La censura voluta dalle forze dell'ordine nei confronti di uno striscione che esprimeva una contrarietà, in nessun modo riconducibile a  un'istigazione o a una fattispecie sanzionata dalle nostre leggi, è grave e senza precedenti all'interno dei nostri Pride. Che le forze dell'ordine si facciano carico di questioni che esulano dall'ordine pubblico ma che riguardano il consenso personale del Ministro degli Interni è un fatto che lascia allibiti: su questo attendiamo spiegazioni e risposte dallo stesso Ministro Salvini. Intanto, rivolgiamo la nostra solidarietà alle attiviste colpite da questo provvedimento e al presidente di Arcigay Siracusa, Armando Caravini, che si è trovato coinvolto in questa assurda vicenda. Ribadiamo inoltre che continueremo ostinatamente a esercitare il nostro diritto di critica senza farci intimidire né fare passi indietro", conclude Piazzoni. 

Vieni con noi al Mantova Pride – Sabato 16 Giugno

SABATO 16 GIUGNO.
Appuntamento, dalle 13:30, presso la nostra sede di via Scuderlando 137 per un caffè in compagnia. Partenza prevista, con mezzi propri, alle ore 14:00.
Destinazione Piazza Sordello a Mantova, ritrovo per la partenza della parata finale, prevista alle ore 15:00.

Se vuoi aggregarti, offrire un car sharing per i tuoi posti in più o chiedere dettagli, contattaci tramite la messaggeria di FB o via email all’indirizzo verona@arcigay.it

SERATA DIBATTITO su tematiche Lgbt a Bussolengo (VR)

SERATA DIBATTITO
Pari Opportunità
Organizzata da:
Comitato Diritti Civili – Karl Heirich Ulrichs
Giovedì 14 Giugno
ore 20:30 presso Sala Anziani (ex Danese)
Via Paolo Veronese – Bussolengo (VR)
Temi della serata:
Nuovi Diritti
Laura Pesce – Presidente Arcigay Pianeta Milk Verona
Nuove Famiglie
Mauro Bertoni – Attivista per i diritti civili
Il vissuto nelle persone omosessuali e nelle famiglie
Ermanno Marogna – Counsellor esperto mediazione familiare
Pregiudizio e Discriminazione:
omofobia, bullismo e questione gender
Dr. Carlo Piazza – psichiatra psicoterapeuta,
direttore R.E.M.S Veneto, pres. onorario Scuola Psicoterapia
“H.Bernheim”
Modera la serata
Zeno Menegazzi – Attivista Lgbt
—–
A SEGUIRE DIBATTITO CON I CANDIDATI SINDACO
AL COMUNE DI BUSSOLENGO
Per informazioni: Comitato Diritti Civili – Karl Heinrich Ulrichs
E-mail: diritticivilihu@libero.it

Onda Pride - Comunicato Arcigay 8.6.2018

ONDA PRIDE, DOMANI I CORTEI A ROMA, TRENTO E PAVIA. ARCIGAY: "LA POLITICA ASCOLTI QUESTE PIAZZE"
Bologna, 8 giugno 2018 - Sono tre i Pride in programma nel terzo weekend dell'Onda Pride,  la grande mobilitazionee dell’orgoglio arcobaleno organizzata da Arcigay in rete con le altre associazioni del movimento lgbti.  Domani, sabato 9 giugno, sarà festa dell'orgoglio a Trento, dove sfilerà per la prima volta il Dolomiti Pride (www.dolomitipride.it): appuntamento alle 15 in piazza Dante, luogo da cui il corteo si muoverà per raggiungere il Parco delle Albere, dove la festa proseguirà fino a notte inoltrata. Fissato per domani anche il ritorno del Pavia Pride (www.paviapride.it), che dà appuntamento ai manifestanti alle 15 in piazza Italia, per attraversare la città e raggiungere l'approdo fissato in piazza Guicciardi, dove si terranno i discorsi dei portavoce. Per la festa, poi, appuntamento al Caffé Teatro. Infine, domani è il giorno del Pride della Capitale: per il Roma Pride (www.romapride.it) appuntamento alle 15 in piazza della Repubblica. "Le strade e le piazze sono i nostri luoghi congeniali - commenta Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay -, da lì è partita la nostra rivoluzione, il rifiuto dell'invisibilità alla quale per secoli omosessuali e trans sono stati costretti. Da oltre trent'anni riempiamo le strade con il nostro orgoglio, contro chi vorrebbe rimuoverci, nasconderci, ignorarci. Contro i ministri oscurantisti, i patrocini negati, i sussurri e i balbettii della politica, parlano le piazze. Anzi, gridano: sta alla politica ascoltarle, farsi carico di questa straordinaria mobilitazione che cresce anno dopo anno, che non conosce crisi o pause, ma che anzi ostinatamente indica la strada dell'uguaglianza, del pieno riconoscimento dei diritti umani, civili, sociali. Questi cortei sono innanzitutto istanze: attraversarli non è una passeggiata ma un'assunzione di responsabilità che deve trovare già dall'indomani ricadute concrete. Sfilare al Pride è un'esperienza indimenticabile, ma anche un impegno che va preso con serietà e senza approssimazioni. Perché i diritti, specie in un Paese arretrato, omofobo, misogino e razzista come il nostro, sono una cosa molto seria", conclude Piazzoni. 

Biblioteca vivente LGBT* di Verona goes to Padova Pride

Domenica 10 giugno 2018
Ore: 15:00
Odeo Cornaro
Via M. Cesarotti, 37 
Padova::Come arrivare

La Biblioteca Vivente è un’iniziativa culturale che mira, attraverso la lettura delle storie di persone come libri viventi, ad abbattere i pregiudizi verso le diversità.
Ispirato al format del Consiglio d’Europa chiamato “Human Library” ha lo scopo di combattere gli stereotipi mettendo in relazione una storia e un lettore, e si svolge anche in Italia, grazie a varie associazioni culturali, da molti anni.
Alcuni mesi fa però a Verona l’iniziativa, arrivata alla sua decima edizione, è stata censurata: parlare delle diversità, soprattutto quelle legate all’identità di genere e all’orientamento sessuale, non è stato permesso nella città scaligera dalla nuova amministrazione.
Ecco quindi che nasce l’idea di inserire tra gli eventi del Padova Pride 2018 una Biblioteca Vivente dedicata solo alla tematica LGBT*, per dimostrare che un Veneto dialogante e più sensibile alle differenze esiste.
Questi i titoli contestati:
“Semplicemente gay”
“Anche da uomo so amare”
“Quando ero frocio”
“Lesbica e va bene così”
“Io, sempre sbagliata”
“Colori da matto”
“Il mio amore è uguale a me”
“Io e Arcobaleno”
Questo speciale catalogo LGBT* racconterà le discriminazioni verso tutte le soggettività non conformi alla eteronormatività, vittime di una omo-bi-transfobia spesso causata dalla non conoscenza di realtà diverse.
Sfogliando queste storie si offrirá al lettore e alla lettrice la possibilità di riflettere sulle proprie paure e pregiudizi, vivendo un’esperienza emozionante a contatto con l’unicità di una storia di vita che non avrebbe altrimenti forse mai conosciuto.

CONVEGNO: PROTEZIONE INTERNAZIONALE,ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE.

CONVEGNO:
PROTEZIONE INTERNAZIONALE,ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE.
25 MAGGIO 2018
ore 14.00 – 19.00
Villa Bernini – Buri
Verona
ASGI – Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione
CON IL PATROCINIO DI:
CIRSIM
Centro Interdipartimentale di Ricerca per gli Studi Interculturali
e sulle Migrazioni dell’Università degli Studi di Padova
Comitato Pari Opportunita’ Ordine
degli Avvocati di Vicenza
In collaborazione con:
Pianeta Milk -Verona Lgbt* Center, Sportello Lgbt Migranti Verona, Circolo Pink, Pink Refugees, Rete Lenford, Avvocato di strada.

"NO RIFUGIATI GAY A VERONA - #STOPDITTATURAGENDER" Volantini di minaccia ad Arcigay Verona

Ieri, 17 Maggio, proprio nella giornata mondiale contro l'Omo-Bi-Transfobia, ci hanno infilato sotto la porta della sede in Via Scuderlando, 137 in Borgo Roma, questi volantini. E' chiara la minaccia contro il prossimo Convegno su Richiedenti Asilo Lgbti che si terrà in Università. La nostra sedeè anche la sede del Gruppo migranti LGBTI.
Testo "NO RIFUGIATI GAY A VERONA" #STOPDITTATURAGENDER"





Sulla porta del cortile era attaccato un adesivo che dice chiaramente chi sono gli autori di questa minaccia.
Il noto gruppetto denominato "Fortezza Europa" nato dall'ennesima scissione nell'estrema destra.

Non ci faremo intimidire da queste azioni squadriste da vigliacchi.
Pianeta Milk Verona Lgbt* Center - Arci/Arcigay



Per chiunque dovesse trovare in giro per la città volantini o altro materiale del genere ce lo segnali a: antifa@arcigayverona.org






19 MAGGIO 2018: VERONA – MANIFESTAZIONE CONTRO OMO-BI-TRANSFOBIA

In occasione della Giornata Internazionale contro l’omo-bi-transfobia (17 Maggio), promossa dall’Unione Europea e celebrata ufficialmente dal 2004, 14 anni dopo la rimozione dell’omosessualità dalla lista delle malattie mentali (17/05/1990), ci sembra opportuno richiamare l’attenzione della cittadinanza su una tematica così importante, ma purtroppo ancora troppo spesso ignorata. La lotta all’omo-bi-transfobia non si ferma dopo l’approvazione della legge sulle Unioni Civili, ancora lacunosa e non inclusiva di tutte le situazioni.

RICHIEDENTI ASILO orientamento sessuale e identità di genere – Giornata di studio e formazione a Verona

Giornata di studio e di formazione sulle migrazioni LGBTI
aperta al pubblico
RICHIEDENTI ASILO 
orientamento sessuale e identità di genere
25 maggio 201810:00 – 18:00

Università di Verona – Via Carlo Montanari, 9AULA FALCONE-BORSELLINO – Dipartimento di Scienze Giuridiche
Università di Verona, Dipartimento di Scienze giuridiche, Dipartimento di Scienze umane.
PoliTeSse: Centro di Ricerca e Politiche della Sessualità
In collaborazione con: Sportello Migranti Lgbt Verona, Pianeta Milk – Verona Lgbt*Center, ASGI Associazione per gli studi giuridici sull’Immigrazione.